14114629_10210294535107620_22689181_o

Yokohama

On August 28, 2016, in Italiano, Travel, by 02. Martina
0

Yokohama, come tutti saprete, è molto vicina a Tokyo, ed è ideale per una gita di un giorno. Ovviamente ci sono diversi treni o metropolitane con cui potete arrivare alla stazione di Yokohama, dipende dal punto di partenza. Partendo dalla stazione di Shinjuku, con la Shonan-Shinjuku Line ci vuole poco più di mezz’ora. Tuttavia ci sono diverse stazioni per la città. Per esempio quella di Ishikawacho è molto vicina a Chinatown.
Chinatown è molto bella ed ha l’atmosfera giusta per darti la sensazione di essere uscito brevemente dal Giappone. Ci sono molti ristoranti, e quasi tutti offrono l’opzione “all-you-can eat”. E’ pieno di negozi di souvenir, cibo e… panda. Troverete accessori con panda quasi ovunque.

14123378_10210294515147121_1322102488_o

Lo Yamashita Park si estende per circa 750 metri sul lungo mare di Yokohama. Ha splendidi fiori e fontane particolari. Una passeggiata lungo questo parco è davvero rilassante. La nave che potrete ammirare durante la camminata si chiama Hikawa Maru. Fu varata nel 1930 e ritirata dal servizio nel 1960. Adesso è impiegata come museo.

14138986_10210294537027668_545425161_o

14163923_10210294536267649_766614133_o

14139013_10210294509906990_1610070587_o

14114629_10210294535107620_22689181_o
A Minato Mirai potrete trovare, oltre a negozi, alberghi e musei, un parco divertimenti, con tanto di immancabile ruota panoramica e montagne russe prive di giro della morte…

14114728_10210294542587807_575442194_o

14139207_10210294540387752_608047687_o
Fra i vari musei c’è quello dedicato al ramen.
Purtroppo non ho avuto occasione di andarci, ma mi hanno parlato molto bene del Sankeien Garden. Voi invece ci siete stati? E’ davvero così bello  come mi è stato detto?

 
5

Ochanomizu, Guitar street !

On August 19, 2016, in Categories, Italiano, Languages, Life in Japan, by 12. Simone
0

Ochanomizu è un quartiere famoso per i suoi negozi di strumenti musicali. Si trova ad una fermata di metropolitana da Akihabara ed è possibile trovarvi molte cose interessanti.

Con un compagno di corso ci siamo andati una sera durante queste caldissime vacanze estive. Eravamo in cerca di chitarre da suonare durante la nostra permanenza in Giappone. Ne sentivamo la mancanza.

Come molti altri prima di noi siamo andati ad Ochanomizu in cerca qualcosa di decente ma non costoso. A noi poi non serviva la chitarra della vita. Camminando lungo la strada principale i nostri occhi si sono posati sulle molte vetrine piene di strumenti e su quelli esposti fuori dai negozi, lungo il marciapiede. Ad ogni fermata restavamo incantati a guardare, cercando con lo sguardo, e sperando di trovare,ciò per cui eravamo venuti. Per lo più c’erano chitarre ma abbiamo visto anche negozi di violini,tastiere,strumenti a fiato,ukulele.

1

Ogni negozio aveva differenti piani per cui c’era molto da vedere e si potevano trovare strumenti sia nuovi che usati. Per quanto riguarda i prezzi…  Che dire ? Non erano proprio bassi come avevamo letto su internet. Non saprei, forse dipende dal periodo e dalla fortuna. Con le chitarre usate la disponibilità non può essere sempre la stessa. Ah già,naturalmente noi non potevamo sfruttare il Tax Free.  Avendo un Visto per un anno a noi non verrebbero rimborsate le tasse.  Così va la vita.

2

Molte chitarre elettriche erano intorno ai 10000 Yen. Prezzo interessante davvero. Solo che erano sconosciute! Mai sentite. No,non le abbiamo giudicate per quello che c’era scritto sulla paletta :P. Solo cercavamo delle acustiche. Perché ? Tra amplificatori e tutto il resto sarebbe stato complicato e la spesa elevata. Nessuno ha pensato di portare schede audio per il PC . Attaccarla al telefono ?   Meglio l’acustica.  Meno stress!

Devo dire che la scelta di pedali,schede audio,amplificatori,sia nuovi che usati, era molto ampia. Alcuni Orange e Marshall (nuovi) ho l’impressione che costassero molto meno che in Italia.  Plettri e mute di corde invece no. Non ricordo di avere mai pagato 1 Euro per un plettro singolo .

3

L’ultimo negozio che abbiamo visitato aveva molta componentistica al secondo piano. In realtà l’unico lungo tutto la strada ad averla. Prezzi simili all’Italia. Certo molto utile se uno si trova qui e ha bisogno di qualcosa di specifico.

4

Alla fine siamo riusciti a trovare le acustiche che cercavamo a prezzi  ragionevoli. Ma erano anche le uniche due che abbiamo visto lungo la strada. Mentre le provavamo abbiamo parlato con il commesso che ci stava aiutando . Naturalmente in giapponese . In alcuni momenti è stata davvero complicato! ばん e ケース di certo non le scordo più.

Alla fine siamo potuti tornare a casa soddisfatti ed ora possiamo suonare anche qui a Tokyo! Yeah!

 
IMG_6102-1

Toyota WRC History at the History Garage

On August 19, 2016, in Uncategorized, by 08. Kristen
0

History Garage at MEGA WEB, Odaiba

IMG_6083-9This month, History Garage, which across from famed shopping center Diver City, is hosting a collection of incredibly historical World Rally Championship cars from Toyota. My girlfriend and I attended this showing, which is free for anyone who would like to go, and is presented in both English and Japanese. The viewing is until September 4th, 2016.

IMG_6076-2 IMG_6077-3The World Rally Championship is a international car racing event that pits extremely tough cars on rough terrain with some of the most skilled drivers who ever lived. Until just under 20 years ago, it was known as a widow-maker of a sport, with tons of experimental steel smashed into trees, other cars, and unfortunately, fans. Mostly gone are the days when Group A/B rally cars buzzed by sideways at 95MPH on a mud road next to a group of photographers trying not to die, but the cars that raced those legendary races are not gone at all. In fact, a lot of championship winning cars are right here in Tokyo.

IMG_6085-11IMG_6075-1IMG_6084-10

If you got this far and you’re not a car person, I gotta commend you for your effort to learn about Japan’s history of cars (or maybe you’re just really, really bored). Toyota, Mitsubishi, and Subaru are probably the three most famous Japanese brands that have raced in the WRC historically. In fact, the Mitsubishi Lancer Evolution and Subaru’s WRX STI series of cars are based off of their real-life racing counterparts that participate(d) in the WRC. The big rear deck wings and wide fender flares are designed for stability at high speeds on roads that are more like…well…non-roads. So, it’s a bit of a non-traditional style of car racing, and with that in mind, we can look at these race cars for what they are—super purpose-built machines meant for one type of extreme racing.

IMG_6079-5 IMG_6080-6Every car in the line-up here is famous in the sport, and several of them are regularly pictured in car racing magazines as legendary, especially the Toyota Celica GT-Four 1995 Safari Rally winner, which is one of the most ubiquitous rally cars of all time, partially due to its huge air snorkel and bull bar. In fact, each of these exact cars has it’s own wikipedia article where you can learn the details of it’s development. The amount of testing and production that went into each of these is truly amazing, especially since they are based off of regular production cars.

IMG_6086-12

WRC Modified 1985 MR2

This sort-of brings us to my favorite of the bunch. Each of these cars may be considered a sort of working production prototype—such is the nature of car development in racing—especially since many of the ideas that were used on these cars evolved into faster trim levels back in the civilian world. But, there is one car here that is truly a prototype, since it was not actually used in a sanctioned WRC event—The Toyota MR2 222D.

1024px-1st-Toyota-MR2

Unmodified 1986 Toyota MR2

The Toyota MR2, first generation, is still widely regarded as one of the best handling affordable cars ever made, due to its mid engine, size, and lightweight. (It’s also known for something called snap over-steer, which is terrifying. Google it.) Using this car as a base, approximately eleven 222D spec MR2 race cars were produced with slightly differing features for different track types. All cars were tested and raced, and the final few cars that survived were proven to be demonic on the race track. Alas, shifting race rules and regulations forced Toyota to switch over to the Celica as it’s flagship WRC base-car.

IMG_6088-14

Fender flairs add stability by allowing for wider wheels and tires.

There are but three surviving, original 222D MR2 cars. Two of these cars are white, one is black. One of the white cars is rumored to have a 6 cylinder engine while the others feature in-line 4 turbo engines. Frankly, I’m not certain which one was the one I saw, but dang, it really is an amazing sight to behold. The interior of a rally car is always fitted with all sorts of gizmos, but the inside of the 222D looks like the Millenium Falcon cockpit vomited inside KITT from Knightrider. Too bad I couldn’t get a good photo of it, but it’s exactly as I’ve described, I promise.

 

The bodywork on these cars is very extreme, with the only parts that even looks like it came off of a MR2 being the doors. The cars are widened by what looks like about 2 feet, and they are weight-reduced from an already light weight to less than 1,700 pounds. Oh, also, at least one of the white ones featured approximately 750 horsepower. It’s hard to compare a race car to a production car, but the Koenigsegg One:1, which is a pretty famous supercar with a strange name, has almost the same power-to-weight ratio, but it has 1,340 horsepower, which is more than 1/8th that of an average locomotive…and costs almost 2.9 million USD. I don’t know what each 222D cost to develop, but I prefer the ugly mini-Batmobile look myself. I just like all the vents. I don’t know why…

IMG_6089-15IMG_6087-13

Anyway, all these cars are in great shape for being smashed into things, and I was very happy to get a chance to see such famous, historically significant cars when all I expected to see were a few Volkswagen Beetles (yes, they did have one). I hope you enjoyed this non-brief look at Japanese Rally cars of the Group A, B, and WRC era and didn’t fall asleep and/or smash your keyboard with your face.

IMG_6081-7-K

 

 

 

 

P.S. It was this Beetle.

IMG_6105-1

 
20160703_170349

Kabuki (Ita / Eng)

On August 16, 2016, in English, Italiano, Life in Japan, by 09. Malkav
0

Il Giappone ha molto da scopire e visitare. Non solo è patria di molti luoghi naturalistici dal grande fascino ma è sopratutto famoso per i suoi templi e la sua cultura, antica quanto moderna; ed è proprio di cultura che voglio parlarvi in questo articolo.
Il Giappone è famoso per lo più per manga e videogiochi che spopolano ormai in ogni angolo del globo, ma una cultura ben più antica si può godere anche fra i grattacieli di Tokyo, il teatro Kabuki!
Per chi non lo sapesse il Kabuki è una forma teatrale nata in Giappone attorno al 1600. È però ben diverso dal teatro occidentale, e per quanto possa sembrare quasi ridicolo per certi versi a chi non lo ha mai visto, non manca di affascinare anche chi non è affine a questo genere di cose.
Lo spettacolo che sono andato a vedere io si chiama: 卅三間堂棟由来 (Sanjûsangendô Munagi no Yurai)
20160816_173206
che è il terzo atto di un’opera più completa (ovvero: 祇園女御九重錦, Gion Nyogo Kokonoe Nishiki) diventata però un’opera a se.
La storia racconta di un tale Heitaro Yokosone che protegge un albero di salice che stava per essere abbattuto al fine di salvare un falco che viveva li sopra. Lo spirito dell’albero allora, tale Oryu, si palesa a lui nelle fattezze di una bella donna (anche se poi nello spettacolo è interpretato da un uomo come tutti i ruoli femminili). 20160816_173510I due si innamorano e si sposano. Fanno quindi un figlio e lo chiamano Midorimaru e vivono felici e contenti fino a quando l’albero non viene abbattuto per farvi sorgere un tempio. Oryu dunque, dopo aver rivelato alla famiglia la sua vera natura, svanisce. Il grosso albero, che stava venendo trasportato via però si blocca e nessuno sembra in grado di muoverlo. Heitaro e Midorimaru accorrono sul luogo e, quando Midorimaru si mette a spingere l’albero, questo incredibilmente riprende a muoversi. Lo spirito di Ouryo allora riappare per dare alla sua famiglia l’ultimo addio.
20160816_173452
La rappresentazione ha preso luogo al teatro nazionale di Tokyo, a pochi passi dal parco del palazzo imperiale.
20160703_141048
Anche se era un po’ lontano da dove abito ci sono andato in bici, ci ho messo un’oretta, era caldo ma non ho fatto fatica e all’arrivo ho potuto lasciarla gratuitamente nel parcheggio.
I biglietti li ho comprati superscontati alla Kai, erano infatti entrati in possesso di una ventina di biglietti da dare agli studenti. Fate conto che un biglietto per questo spettacolo costa 3900 ¥, mentre io li ho pagati 1.500¥.
Prima dello spettacolo c’è stata una presentazione dello stesso, siccome la rappresentazione sarebbe stata in un giapponese un po’ arcaico, e sopratutto per spiegare i meccanismi del teatro. Pur essendo una rappresentazione antica difatti non sono mancati gli effetti speciali, con botole per far apparire gli attori in scena, figuranti coperti di nero per muovere oggetti o finti animali, costumi sgargianti, rapidi cambi di abito e molto altro.
Poi è iniziato lo spettacolo vero e proprio, inutile dire che senza aver avuto il foglio con la spiegazione in inglese avrei capito molto poco ma ciononostante ne sono rimasto ammaliato. In particolare mi ha colpito il piccolo attore bambino che rivestiva il ruolo di Midorimaru, un grande talento nonostante la giovane età, e il vecchio addetto ai suoni che con due pezzi di legno dava vita ai passi degli attori e ai combattimenti. Non mancavano poi le parti musicali con canti accompagnati dal tipico suono dello shamisen.
Immagine
Sicuramente un must to see se passate per il Giappone!

 

Eng
In Japan there’s a lot to see. Not only is home to many natural places of great charm and beauty but it is mostly famous for its temples and its culture, ancient as modern; and it is about the culture that I want to talk about in this article.
Japan is famous mostly for mangas and video games that now spreads in every corner of the globe, but a much older culture can be enjoied even among Tokyo’s skyscrapers, the Kabuki theater!
For the uninitiated, Kabuki is a theatrical form born in Japan around 1600. However is very different from the western theater, and as it may seem almost ridiculous in some ways to those who have never seen it, it doesn’t fails to fascinate even those who aren’t too close to this sort of entertainment.
The show that I went to see is called: 卅三 間 堂 棟 由来 (Sanjusangendo Munagi no Yurai)
20160816_173206
which is the third act of a bigger work (ie: 祇 園 女 御 九重 錦, Gion Nyogo Kokonoe Nishiki), but it became an apart work itself.
The story tells about Heitaro Yokosone who protects a willow tree that was about to be torn down to save a falcon that lived above it. The tree’s spirit, Oryu, revealed herself to him in the shapes of a beautiful woman (even if in the show is played by a man like all the female roles).20160816_173510The two fall in love and marry. They then have a son and call him Midorimaru and live happily until the day when the tree is anywa toned down in order to raise a temple. Oryu then, after revealing his true nature to the family, vanishes. The large tree, which was being carried away, however, comes to an halt and no one seems to be  able to move it. Heitaro and Midorimaru rush to the site and, when Midorimaru starts to push the tree, it incredibly starts moving again. The spirit of Ouryo then reappears to give her family the last farewell.20160816_173452
The representation took place at the Tokyo National Theater, a few steps from the park of the imperial palace.
20160703_141048
Although it was a bit far from where I live I went there by bike, it took me an hour, it was hot but I haven’t struggled and at the arrival I was able to park it in the parking lot free of charge.
I bought the tickets discounted from Kai, they were in fact in possession of twenty tickets to give to the students. A regular ticket costs in fact ¥ 3,900, while I have paid them ¥ 1,500.
Before the show started there was a presentation  since the representation would have been in old Japanese and also to explain the mechanisms of the kabuki.
Even if it’s an ancient representation in fact, there were lots of special effects, like hatches to make the actors appear and disappear on stage, extras covered with black to move props or fake animals, gaudy costumes, quick costume changes and more.
Then began the real show, needless to say, without having had the paper with the English explanation I would have understood very little but nevertheless it was fascinating. In particular I was struck by the little child actor who held the role of Midorimaru, a great talent despite his young age, and by the old sounds guy which with just two pieces of wood gave life to the steps of the actors and to all the fighting scenes. It also didn’t lacked the musical parts with songs accompanied by the typical sound of the shamisen
Immagine
Definitely a must to see if you come to Japan!

0006

Una tipica cena giapponese….

On August 12, 2016, in Italiano, Life in Japan, by 12. Simone
0

Stasera vi racconterò cosa ho mangiato. Si tratta di un tipico piatto giapponese che probabilmente non conoscete :

La Pizza. 😛

Sono andato in un ristorante italiano.  Vi chiederete perché,con tutti le pietanze giapponesi che ci sono, abbia deciso di mangiare italiano ? Perché raccontarvi di cose che mangiamo a casa tutti i giorni,perché ???? Primo credo che il forum sia già invaso dalle descrizioni di piatti giapponesi per cui, di certo, questa cosa è diversa. Secondo perché mi hanno invitato e non ho scelto io dove mangiare . 😀  Poi sentivo un po’ la mancanza della pizza.

La Pizzeria è gestita da giapponesi e si chiama “L’insieme”. Non è grande ma molto accogliente. Ci sono foto alle pareti,la statuina di maradona e un bel forno a legna. Sembra di essere a casa. Lo staff poi è fantastico. Cordiale e disponibile. Il Pizzaiolo ha studiato cucina a Napoli. Ha vinto anche dei premi ed è facile intuirne il perché:  Era tutto buonissimo! La Pizza era tipica napoletana,con i bordi alti e sottile al centro . Fantastica.

0001

Esterno della Pizzeria 

0002

             Antipasto

Quelli bravi direbbero che l’antipasto era un tipico esempio di cucina Fusion e bla bla bla…  Vi dico che era molto buono e particolare. Pesce crudo condito con varie salse,cous cous,avocado gratinato al forno e carne di manzo in una cipolla al forno. Crostino con paté di fegato alla toscana.

 

0003                                                                                      Pizza Margherita

La prima pizza è stata la classica Margherita. Nella foto non sembra bella perché l’avevo rovinata per metterla nel piatto. Ho provato a risistemarla per la foto ma non ho avuto successo. Pazienza !

 

0004

Quattro stagioni

 

0005

Pizza Diavola

Anche qui mi sono scordato di fare la foto alla pizza intera. Comunque era bella piccante ;D.

0006                                                                                           Calzone

A questo punto pensavo ” Va bene abbiamo finito. Sono sazio .” Invece…..

0007

Tagliata di Carne

Naturalmente  mi sono fatto coraggio e ho trovato spazio anche per manzo,maiale e patatine . ;D

La cena poi è stata accompagnata da vini italiani . Sia bianchi che rossi. Una serata decisamente allegra.

0008

Dolci

Alla fine sono arrivati i dolci ed il caffè.   Anche il caffè era buono. Per “caffè” intendo l’ Espresso. Il primo che bevo da quando sono qui. Mi ha stupito perché,in genere, non è mai molto buono nei ristoranti. Qui anche questo era ok.

Devo dire che sono tornato a casa soddisfatto. Mi avevano detto che a Tokyo la pizza non era molto buona. Ho trovato un posto dove invece è fenomenale. Se anche fosse l’eccezione che conferma la regala l’importante è che ci sia, ね。

 

Saluti !